Banner di INNrete

Cartella selezionata

  • ..
  • Concorsi a Premio

 

Concorsi a Premio

logo ufficio

 

Camera di Commercio di Pistoia
Ufficio Armonizzazione del mercato e tutela del consumatore
Giacomo Nepi - armonizzazione.mercato@ptpo.camcom.it

 

PREMESSA: LE MANIFESTAZIONI A PREMIO

I concorsi a premio fanno parte delle cosiddette manifestazioni a premio, ovvero iniziative finalizzate a stimolare gli acquisti, incrementare le vendite, promuovere l'immagine aziendale oltreché gratificare i consumatori, fedeli ad un determinato marchio o prodotto.
Lo svolgimento delle manifestazioni a premio è disciplinato dal DPR 26/10/2001, n. 430 , entrato in vigore il 12 aprile 2002 (Regolamento concernente la revisione organica della disciplina dei concorsi e delle operazioni a premio, nonché delle manifestazioni di sorte locali ai sensi dell'articolo 19, comma 4, della legge 27 dicembre 1997, numero 449)
Ai sensi dell'art. 1 del Regolamento rientrano nell'ambito di applicazione della disciplina in oggetto le "promesse di premi al pubblico dirette a favorire, nel territorio dello Stato, la conoscenza di prodotti, servizi, ditte, insegne, marchi o la vendita di determinati prodotti o la prestazione di servizi aventi, comunque, fini anche in parte commerciali".

Ad occuparsi delle manifestazioni a premio è il Ministero dello Sviluppo Economico tramite la Divisione XIX - Manifestazioni a Premio della Direzione Generale per il mercato, la concorrenza, il consumatore, la vigilanza e la normativa tecnica.
La Divisione svolge le seguenti attività:
- Attività normativa, interpretativa e di indirizzo sulla materia;
- Funzioni di controllo sul corretto andamento delle manifestazioni;
- In caso di violazioni emette sanzioni amministrative (interdittive e pecuniarie);

Contatti e assistenza
Per fornire la necessaria assistenza ai soggetti promotori il Ministero ha attivato un numero verde (800.300.103), i cui operatori rispondono il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30, nonché i seguenti indirizzi di posta elettronica:
- m.premioinfo@sviluppoeconomico.gov.it (per quesiti di natura amministrativa);
- m.premiohelp@sviluppoeconomico.gov.it(per quesiti in ordine all'utilizzo dei modelli in forma elettronica);
Sul sito internet del Ministero dello Sviluppo Economicosono inoltre reperibili ulteriori informazioni sugli adempimenti richiesti ai promotori delle manifestazioni, nonché la predetta modulistica. Si invita peraltro a verificare nell'apposita sezione del sito internet del Ministero l'eventuale disponibilità di versioni aggiornate della modulistica in oggetto e/o eventuali variazioni in ordine alle modalità di trasmissione dei modelli.

Le Manifestazioni a premio si suddividono in:
- OPERAZIONI A PREMIO, ovvero manifestazioni pubblicitarie che prevedono la distribuzione dei premi a tutti coloro che acquistano un determinato quantitativo di prodotti o servizi, oppure l'offerta di un regalo a tutti coloro che acquistano o vendono un determinato prodotto o servizio;
- CONCORSI A PREMIO, ovvero manifestazioni pubblicitarie in cui l'attribuzione dei premi offerti, ad uno o più partecipanti ovvero a terzi, anche senza alcuna condizione di acquisto o vendita di prodotti o servizi, dipende dalla sorte o dall'abilità o capacità dei concorrenti.

L’INTERVENTO DELLA CAMERA DI COMMERCIO E' LIMITATO ALL'AMBITO DEI CONCORSI A PREMIO.


IL CONCORSO A PREMIO

Cos'è
Il concorso a premio è un'iniziativa, avente fini anche in parte commerciali, diretta a favorire, nel territorio dello Stato italiano e attraverso la promessa di premi, la conoscenza di prodotti, servizi, ditte, insegne o marchi oppure la vendita di beni o servizi.
I premi messi in palio consistono in beni (compresi beni immobili), servizi, sconti di prezzo.
Non possono essere ricompresi tra i premi il denaro, i titoli di prestito pubblici e privati, i titoli azionari, le quote di capitale societario e dei fondi comuni di investimento, le polizze di assicurazione sulla vita. Nel concorso a premio l'assegnazione dei premi dipende:
- dalla sorte;
- da un congegno o da macchina;
- dall'abilità dei concorrenti chiamati ad esprimere giudizi o pronostici relativi a manifestazioni sportive, letterarie, culturali o a rispondere a quesiti o ad eseguire lavori;
- dall'abilità dei concorrenti ad adempiere per primi alle condizioni stabilite dal regolamento della manifestazione.
La partecipazione al concorso a premio è gratuita, salvo le ordinarie spese di spedizione o telefoniche (o di invio di SMS) necessarie ai fini della partecipazione.
I premi messi in palio sono consegnati agli aventi diritto entro il termine di sei mesi dall'individuazione dei vincitori.

Chi (Soggetti promotori)
Il concorso a premio può essere svolto solo da imprese produttrici o commerciali fornitrici o distributrici dei beni o dei servizi al fine di promozionare i propri beni o servizi.
Le imprese possono anche essere straniere, senza sede stabile in Italia ma, in tal caso, devono avvalersi di un rappresentante fiscale, residente nel territorio dello Stato, nominato con le modalità e gli effetti di cui all'art. 17 del DPR 26/10/1972, n. 633 e successive modificazioni.
Il concorso può svolgersi anche in associazione tra più imprese ove ciascuna promozioni con la medesima iniziativa i propri beni o servizi.
Soggetti delegati dai promotori: Agenzie di promozione, operatori professionali.

A chi sono rivolte: Consumatori finali, rivenditori, intermediari, concessionari, collaboratori, lavoratori dipendenti.

Durata del concorso
Il termine massimo di durata di un concorso a premio è di un anno, decorrente dalla data di inizio (che coincide con il giorno a partire dal quale viene fatta pubblicità all'iniziativa) con termine il giorno di individuazione dei vincitori.

Come fare per... L' avvio, lo svolgimento, la premiazione e il termine: È sufficiente presentare al Ministero dello Sviluppo Economico – Direzione Generale mercato, concorrenza, consumatore, vigilanza e normativa tecnica Divisione XIX – Manifestazioni a premio, tramite il servizio informatico Prema on-line, attivo sul dominio www.impresa.gov.it:
1. Preventiva comunicazione;
2. Documento originale di cauzione;
3. Regolamento di svolgimento dell'iniziativa,firmato in originale dal legale rappresentante dell'impresa o dal soggetto delegato.

DOCUMENTAZIONE DA TRASMETTERE:
- Preventiva "comunicazione di svolgimento“:
Redatta su apposito modello Prema CO/1, va presentata 15 giorni prima della data di inizio del concorso, trasmettendola al Ministero tramite il servizio Prema on-line.
- Regolamento del concorso:
Predisposto prima dell'avvio del concorso, deve indicare l'impresa promotrice e quelle associate all'iniziativa (soggetti promotori), durata, ambito territoriale, modalità di svolgimento, natura, valore indicativo dei premi messi in palio, termine della consegna, dati delle Onlus alle quali devolvere i premi non assegnati.
- Dichiarazione sostitutiva di atto notorio:
Nel caso di sistema di rinvenimento immediato dei premi messi in palio dal concorso, l'inserimento di tagliandi o altri elementi vincenti, tra quelli non vincenti, il promotore deve certificare tramite dichiarazione sostitutiva, la conformità del sistema in parola al regolamento.
- Documento originale di cauzione prestata a garanzia dei premi promessi:
La cauzione è pari al 100% del valore complessivo del montepremi, determinato ai fini dell'imposta sul valore aggiunto o dell'imposta sostitutiva, ma al netto della relativa imposta. Il beneficiario è il Ministero dello Sviluppo Economico ed ha scadenza non inferiore ad un anno dalla conclusione del concorso.
La cauzione è prestata mediante deposito in denaro o in titoli di Stato presso la Tesoreria provinciale dello Stato o mediante fidejussione bancaria o assicurativa.
Al termine del concorso, assegnati i premi e inviato il verbale di chiusura al Ministero, la cauzione viene svincolata trascorsi 180 gg. dalla data di trasmissione del verbale, previa idonea verifica da parte del Ministero che, attestato il regolare svolgimento del concorso, dispone lo svincolo della cauzione.
In caso di violazioni nella consegna dei premi, il Ministero determina l'incameramento totale o parziale della cauzione, pari al 100% del valore dei premi del concorso.

IMPORTANTE: Termini di comunicazione avvio manifestazione ed il servizio Prema on-line
Il Decreto interdirezionale del 5 luglio 2010 ha cambiato i termini di comunicazione dei Concorsi a premio al Ministero dello Sviluppo Economico, per cui per tutti i concorsi che hanno inizio dal 25 agosto 2010 entra in vigore l'obbligo di comunicazione al Ministero almeno 15 giorni prima della data di inizio della manifestazione a premio (e quindi dal 10 agosto 2010) e dal 25 gennaio 2011 il servizio Prema on-line è l'unico canale di trasmissione.
Tuttavia, se il sistema telematico rilascia informazione secondo cui il servizio Prema on-line è inattivo, l'impresa potrà trasmettere la comunicazione con i relativi allegati mediante posta elettronica con firma digitale all'indirizzo di posta elettronica m.premio@sviluppoeconomico.gov.it e a quello dei Monopoli di Stato giochi.concorsiapremio@aams.it.

Comunicazione modifiche al regolamentoIn caso di modifiche al regolamento la comunicazione può avvenire anche lo stesso giorno in cui esse hanno effetto, a meno che non vi siano modifiche alle caratteristiche sostanziali del concorso o del regolamento, nel quale caso esse devono essere trasmesse almeno 15 giorni prima che esplichino i loro effetti.

Cosa fare dopo la comunicazione
Per la/le fase/i di assegnazione dei premi e al termine del concorso a premio l'impresa deve richiedere l'intervento di un notaio oppure di un funzionario della Camera di Commercio territorialmente competente, nominato responsabile della fede pubblica (art. 20 del Decreto Legislativo numero 112/98), l'uno o l'altro a scelta dell'impresa promotrice, per la redazione dei verbali secondo le modalità di cui all'art. 9 del D.P.R. n. 430/2001 (schema predisposto dal Ministero).
L'intervento del funzionario camerale dovrà essere richiesto a mezzo della compilazione dell'apposito modello (formato DOC - dimensione 62 Kb) che, unitamente alla documentazione richiesta indicata nel modello stesso, dovrà essere presentato all'Ufficio Armonizzazione del Mercato.
Per motivi organizzativi l'istanza dovrà essere presentata, di norma, almeno 30 giorni prima della data in cui è richiesto l'intervento del funzionario.
Per tale intervento saranno dovute le seguenti tariffe (formato PDF - dimensione 226 Kb).

MODALITA' DI PAGAMENTO
- con bonifico bancario - cliccare qui - riportando nella causale il nome della parte;
- mediante il sistema di pagamento pagoPA. In tal caso occorre preventivamente rivolgersi al personale della Camera di Commercio, dove un operatore emetterà un Avviso di Pagamento pagoPA che consentirà all’utente di pagare mediante un PSP (Prestatore di Servizio di Pagamento) aderente al circuito pagoPA (agenzie della banca, uffici postali, l'home banking del proprio PSP, gli sportelli ATM della banca abilitati, i punti vendita SISAL, Lottomatica e Banca 5). La procedura di pagamento è velocizzata grazie alla lettura del QRCode presente sull’Avviso. L’Avviso contiene inoltre lo IUV (Identificativo Univoco di Versamento) che identifica univocamente il versamento in attesa di essere pagato. Per ulteriori informazioni sul sistema PagoPA è possibile consultare la seguente pagina: https://www.pagopa.gov.it/;
- mediante carta di credito, bancomat o contanti sino ad un massimo di Euro 2.000,00, presso l’U.O. Armonizzazione del Mercato.

Il pagamento dovrà avvenire almeno due giorni prima dell'inizio delle operazioni in relazione alle quali è richiesta la presenza del funzionario camerale, al quale dovrà essere consegnata copia del bonifico.


LE MANIFESTAZIONI VIETATE ED ESCLUSE

LE MANIFESTAZIONI VIETATE (ART.8 del D.P.R. N. 430/2001)

Non è consentito lo svolgimento di manifestazioni a premio, quando:
- Il loro congegno non garantisce la pubblica fede e la parità di trattamento e di opportunità per tutti i partecipanti, in quanto consente al soggetto promotore o a terzi di influenzare l'individuazione dei vincitori oppure rende illusoria la partecipazione alla manifestazione stessa
- Vi è elusione del monopolio statale dei giochi e delle scommesse per la mancanza di reali scopi promozionali, in quanto il prezzo richiesto è superiore al valore commerciale del bene il cui acquisto costituisce il presupposto per la partecipazione alla manifestazione a premio
- Vi è turbamento della concorrenza e del mercato in relazione ai principi comunitari
- Si promozionano prodotti per i quali sussistono divieti o limitazioni alla pubblicità o altre forme di comunicazione commerciale
- Sono violate le disposizioni del DPR 26/10/2001, n. 430, ad eccezione di quelle relative all'invio della documentazione.

LE MANIFESTAZIONI ESCLUSE (ART. 6 del D.P.R. N. 430/2001)

Non si considerano manifestazioni a premio:
- I concorsi indetti esclusivamente per la produzione di opere letterarie, artistiche o scientifiche, nonché per la presentazione di progetti o studi commerciali o industriali, nei quali il conferimento del premio ha carattere di corrispettivo di prestazione d'opera o rappresenta il riconoscimento del merito personale o un titolo d'incoraggiamento nell'interesse della collettività
- Le manifestazioni indette da emittenti televisive solo nel caso in cui i premi siano assegnati agli spettatori presenti nello studio in cui si svolge l'iniziativa. L'esclusione opera anche in caso di emittenti radiofoniche ove, per ascoltatori presenti, si intende coloro che intervengono alle manifestazioni attraverso un collegamento radiofonico o qualsiasi altro collegamento a distanza. In ogni caso, l'iniziativa non è esclusa qualora essa, veicolata attraverso l'emittente televisiva o radiofonica, sia svolta per promuovere prodotti o servizi di altre imprese
- Le sole operazioni a premio con premi costituiti da quantità aggiuntive dei prodotti promozionati, da sconti sul prezzo di prodotti e di servizi dello stesso genere di quelli acquistati, da sconti su un prodotto o servizio di genere diverso, purché non offerti per incentivare l'acquisto del prodotto oggetto della promozione
- Le manifestazioni nelle quali i premi siano costituiti da oggetti di minimo valore (piccoli gadgets tipo lapis, bandierine, calendari od oggetti simili) ed il loro conferimento non sia condizionato alla natura o all'entità dell'acquisto
- Le manifestazioni in cui i premi siano destinati ad enti o istituzioni pubbliche o che abbiano finalità eminentemente sociali e benefiche (scuole, ospedali, ecc.).

CONCORSI A PREMIO: SANZIONI E CONTROLLI

CONTROLLI

Cos'è
Il Ministero dello Sviluppo Economico verifica a campione o su segnalazione dei soggetti interessati il corretto svolgimento delle manifestazioni a premio.

A chi
Il Ministero avvia la procedura di contestazione verso le imprese promotrici che abbiano violato:
- DPR n. 430/2001
- Tutela della fede pubblica
- Principi di concorrenza e di mercato nella forma di turbative
- Divieto di pubblicità di alcuni prodotti es. fumo e medicinali

In caso di violazioni al monopolio statale dei giochi e delle scommesse, il controllo è di competenza dell'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS) del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Come
Il procedimento inizia con una comunicazione di avvio del procedimento per presunta violazione all'impresa promotrice e a quelle associate, mediante notifica eseguita nella forma della raccomandata con avviso di ricevimento.
L'impresa ha 15 gg, decorrenti dal ricevimento dell'atto ministeriale, per produrre le proprie controdeduzioni.
In caso di mancato accoglimento delle controdeduzioni ovvero qualora esse non siano state trasmesse, il Ministero, accertata la violazione, emette il provvedimento di immediata cessazione della manifestazione (se essa è ancora in corso) o di manifestazione vietata (in caso di iniziativa ormai conclusa). Avverso tale provvedimento è ammessa tutela giurisdizionale dinanzi al TAR o al Capo dello Stato rispettivamente entro 60 o e120 giorni dalla notifica.

SANZIONI

Il Ministero, entro 90 giorni decorrenti dall'accertamento della violazione, notifica all'impresa promotrice e a quelle associate il processo verbale di sanzione pecuniaria. L'impresa può far pervenire scritti difensivi e/o chiedere di essere ascoltata. Il procedimento, descritto dalla Legge 24 /11/1981, n. 689, e successive modificazioni si conclude con l'emissione dell'ordinanza-ingiunzione o con l'archiviazione.

Tipologie sanzionatorie (art. 124 RDL n. 1933/38):
- per concorso a premio vietato: qualora il concorso a premio venga continuato dall'impresa nonostante la notifica del provvedimento interdittivo, la sanzione predetta è raddoppiata. La sanzione è anche applicata nei confronti di tutti i soggetti che abbiano partecipato in qualunque modo all'attività di distribuzione di materiale del concorso a premio.
- per mancata preventiva comunicazione: la sanzione viene ridotta del 50% in caso in cui la comunicazione sia stata inviata successivamente all'inizio del concorso, ma prima che sia stato constatato l'inadempimento.
- per svolgimento del concorso con modalità difformi da quelle comunicate o da quelle indicate nel regolamento.
Sanzione accessoria: consiste nella pubblicazione, a spese del promotore, del provvedimento sanzionatorio. Spetta al Ministero, tenendo conto di un criterio di proporzionalità, in relazione alla gravità della violazione e del principio di equivalenza dei mezzi di informazione nonché al livello di diffusione della manifestazione, individuare il mezzo di informazione più adeguato allo scopo, come ad esempio pubblicare il provvedimento sanzionatorio su uno o più quotidiani a diffusione nazionale e/o su una determinata stampa periodica e/o avvalersi di altri mezzi di informazione.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi a:
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Pistoia Prato - U.O. Armonizzazione e tutela del mercato
Corso Silvano Fedi, 36 - 51100 Pistoia
Piano II° - Sportello 7 (Concorsi a Premio)
Orari di apertura al pubblico: dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 / martedì e giovedì apertura anche pomeridiana dalle ore 15.00 alle ore 16.00
Telefono: 0573 991464-85-55
E-mail: armonizzazione.mercato@ptpo.camcom.it

Competenze:Rilascio informazioni sui concorsi a premio

Dirigente: Daniele Bosi

Responsabile del procedimento: Giacomo Nepi

Addetti all'Unita' Operativa:
Cristina Calamassi
Anna Lia Bargiacchi

Motivo modifica informazione: nuovo iban

 

Data di ultima modifica: 24/11/2020

Visualizzazione Mobile

 

Esprimi un parere su questa informazione

(Rispondi ai quesiti e premi Invia)

  • Precisione:

  • Completezza:

  • Correttezza:

  • Tempestività:

[Stampa]  [Apri a pagina intera]

 

mercoledė, 2 dicembre 2020

Calendario eventi

Ottobre 2020
oggi
LuMaMeGiVeSaDo
   1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31