Banner di INNrete

Cartella selezionata

  • ..
  • VOUCHER alle imprese

 

DISCIPLINARE PER L’EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DIGITALI I4.0 - ANNO 2020

computer

 

AVVISO DEL 23/06/2020:

VISTO IL GRANDE NUMERO DI DOMANDE PERVENUTE SI RITIENE ESAURITO IL PLAFOND STANZIATO PER IL PRESENTE BANDO
E' QUINDI SOSPESO IL RICEVIMENTO DI NUOVE DOMANDE

 

La Camera di commercio di Pistoia nell'ambito del progetto “Punto Impresa Digitale” (PID), al fine di promuovere la diffusione della cultura e della pratica digitale nelle micro, piccole e medie imprese (da ora in avanti MPMI), di tutti i settori economici, propone la presente misura volta a:
• promuovere l’utilizzo, da parte delle MPMI della circoscrizione territoriale camerale, di servizi o soluzioni focalizzati sulle nuove competenze e tecnologie digitali in attuazione della strategia definita nel Piano Transizione 4.0.
• favorire interventi di digitalizzazione ed automazione funzionali alla continuità operativa delle imprese durante l’emergenza sanitaria da Covid-19 e alla ripartenza nella fase post-emergenziale.

La dotazione finanziaria è pari a 190.000 euro.

Le domande possono essere presentate dal 22 giugno 2020 al 30 settembre 2020

BANDO (formato PDF - dimensione 876 Kb)
Modulo di domanda (formato DOC - dimensione 139 Kb)
Modulo misura B (formato DOC - dimensione 233 Kb)
Modulo autodichiarazione ulteriori fornitori (formato DOC - dimensione 116 Kb)
Procura intermediario (formato DOC - dimensione 111 Kb)
Modulo rendicontazione (formato DOC - dimensione 135 Kb)
Facsimile dichiarazione Art. 47 DPR 445/2000 (formato DOCX - dimensione 14 Kb)

Per Informazioni:
PUNTO IMPRESA DIGITALE DI PISTOIA
TEL 0573 - 991435
E-Mail: puntoimpresadigitale@pt.camcom.it

 

A chi è destinato:
Possono beneficiare delle agevolazioni di cui al presente Disciplinare le microimprese, le piccole imprese e le medie imprese che risultano:

  • avere sede legale e/o unità operativa nella provincia di Pistoia;
  • essere iscritte al Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Pistoia e attive;
  • essere in regola con il pagamento del diritto annuale;
  • non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione, di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  • non avere in corso contratti di fornitura di servizi, anche a titolo gratuito, con la Camera di Commercio di Pistoia, ai sensi dell'art.4, comma 6 del D.L. 6.7.2012, n°95 (convertito nella L. 7.8.2012, n.135)
  • avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza) e soci per i quali non sussistano cause di divieto, di decadenza, di sospensione previste dall’art. 67 D.lgs. 6 settembre 2011, n.159
  • aver assolto gli obblighi contributivi

 

Ambiti di intervento:

Con il presente Bando, si intende finanziare, tramite l’utilizzo di contributi a fondo perduto, la seguente misura di innovazione tecnologica I4.0:

- Progetti per l’acquisto di servizi di consulenza e/o formazione finalizzati all’implementazione di una o più tecnologie tra quelle previste dall’articolo 2, comma 3 del bando (e qui sotto esplicitati), nonché di beni e servizi strumentali, funzionali all’acquisizione delle tecnologie abilitanti di cui sopra.

 

Al momento della presentazione della domanda i progetti possono essere di due tipologie:

a)  già terminati;

b)  non ancora iniziati o in fase di realizzazione.

 

Gli ambiti tecnologici di innovazione digitale I4.0 ricompresi nel presente Bando sono:

Elenco 1: utilizzo delle seguenti tecnologie, inclusa la pianificazione o progettazione dei relativi interventi e, specificamente:

  • robotica avanzata e collaborativa;
  • interfaccia uomo-macchina;
  • manifattura additiva e stampa 3D;
  • prototipazione rapida;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • cloud, fog e quantum computing;
  • cyber security e business continuity;
  • big data e analytics;
  • intelligenza artificiale;
  • blockchain;
  • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
  • simulazione e sistemi cyberfisici;
  • integrazione verticale e orizzontale;
  • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
  • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc);
  •  sistemi di e-commerce;
  • sistemi per lo smart working e il telelavoro;
  • soluzioni tecnologiche digitali per l’automazione del sistema produttivo e di vendita per favorire forme di distanziamento sociale dettate dalle misure di contenimento legate all’emergenza sanitaria da Covid-19;
  • connettività a Banda Ultralarga.

Elenco 2: utilizzo di altre tecnologie digitali propedeutiche o complementari a quelle previste al precedente Elenco 1:

  • sistemi di pagamento mobile e/o via Internet;
  • sistemi fintech;
  • sistemi EDI, electronic data interchange;
  • geolocalizzazione;
  • tecnologie per l’in-store customer experience;
  • system integration applicata all’automazione dei processi;
  • tecnologie della Next Production Revolution (NPR);
  • programmi di digital marketing.

 

Fornitori di cui avvalersi per poter accedere al contributo

Il fornitore deve avere sede legale in uno degli Stati membri dell’Unione europea.

I fornitori di beni e di servizi non possono essere soggetti beneficiari della stessa misura in cui si presentano come fornitori. Inoltre non possono essere fornitori di beni e/o di servizi imprese o soggetti che siano in rapporto di collegamento, controllo  ( ai sensi dell’articolo 2359 del Codice Civile) e/o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti[1] con i beneficiari.

 

Ai fini del presente disciplinare, l’impresa dovrà avvalersi esclusivamente, per i servizi di consulenza e formazione di uno o più fornitori tra i seguenti:

  • centri di ricerca e trasferimento tecnologico, Competence center di cui al Piano Industria 4.0, parchi scientifici e tecnologici, centri per l’innovazione, Tecnopoli, cluster tecnologici ed altre strutture per il trasferimento tecnologico, accreditati o riconosciuti da normative o atti amministrativi regionali o nazionali;
  • incubatori certificati di cui all’art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e s.m.i. e incubatori regionali accreditati;
  • FABLAB, definiti come centri attrezzati per la fabbricazione digitale che rispettino i requisiti internazionali definiti nella FabLab Charter (http://fab.cba.mit.edu/about/charter/);
  • centri di trasferimento tecnologico su tematiche Industria 4.0 come definiti dal D.M. 22 maggio 2017 (MISE) (http://www.unioncamere.gov.it/P42A3764C3669S3692/elenco-dei-centri-di-trasferimento-tecnologico-industria-4-0-certificati.htm)
  • start-up innovative di cui all’art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 convertito, con modificazioni, dalla L. 17 dicembre 2012, n. 221 e s.m.i. e PMI innovative di cui all’art. 4 del D.L. 24 gennaio 2015 n. 3, convertito, con modificazioni, dalla L. 24 marzo 2015, n. 33;
  • ulteriori fornitori, attivi da almeno un anno, che siano in grado di fornire consulenza e formazione nelle tematiche di Impresa 4.0 di cui all’art. 2, comma 4, Elenco 1 della parte generale del presente Disciplinare.

Il fornitore è tenuto, al riguardo, a produrre una autocertificazione attestante tale condizione da consegnare all’impresa beneficiaria prima della domanda di contributo (modulo “autodichiarazione ulteriori fornitori”);

Relativamente ai soli servizi di formazione, l’impresa potrà avvalersi anche di agenzie  formative accreditate dalle Regioni, Università e Scuole di Alta formazione riconosciute dal MIUR, Istituti Tecnici Superiori.

Non sono richiesti requisiti specifici per i soli fornitori di beni e servizi strumentali di cui all’articolo 7, comma 1, lettera b).

 

Ammontare del contributo:

Il contributo avrà un importo massimo di Euro 7.000, oltre la premialità per quelle imprese in possesso del rating di legalità.

L’investimento minimo ammesso è pari a 3.000 euro.

Il contributo coprirà il 70% dell’importo complessivo delle spese ammesse ed effettivamente sostenute sarà erogato con l’applicazione della ritenuta d’acconto del 4% ai sensi dell’art. 28, comma 2, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600.

Le agevolazioni saranno accordate sotto forma di contributo a fondo perduto.

Per spese sostenute a partire dal 1 Gennaio 2020 fino al 90° giorno successivo alla data della comunicazione di concessione del contributo

 

Modalità di presentazione delle domande:

La domanda per la partecipazione al disciplinare, da riprodurre in formato immodificabile PDF, con sottoscrizione digitale o autografa, accompagnata dal documento d’identità del legale rappresentante dell’impresa richiedente, dovrà essere inviata nel periodo dal 22/6/2020 al 30/09/2020 esclusivamente quale allegato a un messaggio da inviare al seguente indirizzo di posta elettronica certificata della Camera di Commercio: cciaa.pistoia@pt.legalmail.camcom.it indicando quale oggetto del messaggio: “Disciplinare per l’erogazione di Contributi Digitali I4.0 2020”

 

La domanda relativa alla richiesta di contributo dovrà essere composta dalla seguente documentazione, secondo la casistica di cui sotto:

 

A) PROGETTO GIÀ TERMINATO NEL MOMENTO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

  • modulo di domanda, compilato in ogni sua parte
  • modulo Progetto misura B
  • elenco esaustivo di tutte le fatture allegate, redatto su carta intestata dell’impresa riportante la dicitura “RENDICONTAZIONE CONTRIBUTI DIGITALI I 4.0”
  • Le fatture devono essere redatte in euro e in lingua italiana o accompagnate da una sintetica traduzione e intestate all’impresa richiedente e dalle stesse si devono evincere con chiarezza le singole voci di costo (le fatture dovranno essere predisposte su propria carta intestata da soggetti regolarmente abilitati – non saranno ammesse auto fatturazioni)
  • quietanze delle singole fatture (vedi nota)
  • Autodichiarazione del fornitore/dei fornitori prevista alla lettera a) della Scheda, relativamente agli ulteriori fornitori 
  • Piano di innovazione digitale dell’impresa firmato dal legale rappresentante dell’impresa beneficiaria, previsto alla lettera b) della Scheda costituito da:
  1. Relazione finale firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa beneficiaria del contributo, di consuntivazione delle attività realizzata ed il report di self-assessment di maturità digitale compilato “Selfi4.0” (il report può essere ottenuto rispondendo a un questionario che si trova sul portale nazionale dei PID: (www.puntoimpresadigitale.camcom.it) e/o il Report “Zoom 4.0” di assessment guidato, realizzato dal Digital Promoter della CCIAA
  2. nel caso dell’attività formativa, dichiarazione di fine corso e copia dell’attestato di frequenza per almeno l’80% del monte ore complessivo.

 

B) PROGETTO NON ANCORA INIZIATO/ PROGETTO GIA’ INIZIATO MA NON TERMINATO AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

  • modulo di domanda, compilato in ogni sua parte 
  • modulo Progetto misura B
  • elenco esaustivo di tutti i preventivi di spesa allegati, redatto su carta intestata dell’impresa
  • I preventivi di spesa devono essere redatti in euro e in lingua italiana o accompagnati da una sintetica traduzione e intestati all’impresa richiedente e dagli stessi si devono evincere con chiarezza le singole voci di costo (i preventivi di spesa dovranno essere predisposti su propria carta intestata da soggetti regolarmente abilitati – non saranno ammessi auto preventivi)
  • Autodichiarazione del fornitore/dei fornitori prevista alla lettera a) della Scheda relativamente agli ulteriori fornitori 


[1] Per assetti proprietari sostanzialmente coincidenti si intendono tutte quelle situazioni che – pur in presenza di qualche differenziazione nella composizione del capitale sociale o nella ripartizione delle quote – facciano presumere la presenza di un comune nucleo proprietario o di altre specifiche ragioni attestanti costanti legami di interessi anche essi comuni, che di fatto si traducano in condotte costanti e coordinate di collaborazione e di comune agire sul mercato.

 

 

Data di ultima modifica: 23/6/2020

Visualizzazione Mobile

 

Esprimi un parere su questa informazione

(Rispondi ai quesiti e premi Invia)

  • Precisione:

  • Completezza:

  • Correttezza:

  • Tempestività:

[Stampa]  [Apri a pagina intera]

 

lunedì, 13 luglio 2020

Calendario eventi

Luglio 2020
oggi
LuMaMeGiVeSaDo
  1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 

13
 

14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31