Come richiedere il Certificato d'Origine - rilascio cartaceo

1. Depositare lo specimen della firma del legale rappresentante. Il legale rappresentante dovrà recarsi personalmente di fronte all’addetto dell'ufficio estero della Camera di Commercio di Pistoia e firmare l’apposito modulo per il deposito di firma (sola la prima volta), presentando il proprio documento d’identità.

2. Richiedere i formulari in bianco allo sportello camerale che saranno distribuiti gratuitamente. La Camera di Commercio annota i numeri di serie dei certificati distribuiti alle imprese.

3. Compilare il formulario in tutte le sue parti (l’originale, le copie e il modulo rosa di richiesta di rilascio) preferibilmente tramite computer utilizzando il modello del Certificato d’origine – schema compilazione A4 seguendo le istruzioni per la corretta compilazione dei formulari.

4. Presentare allo Sportello Estero:

a) il formulario composto e compilato come sopra, sottoscritto dal legale rappresentante dell’impresa richiedente;

b) il modulo richiesta di rilascio certificazione per l’estero sottoscritto dal legale rappresentante dell’impresa richiedente, con allegata fotocopia del documento di identità.
Il modulo consente di indicare il numero e il tipo di certificati richiesti e permette di avvalersi della possibilità di rendere dichiarazioni sostitutive, ai sensi degli artt. 46, 47, 48 e 49 del D.P.R. 445/2000, anzichè presentare documenti originali;

c) la fattura di vendita timbrata e firmata dal legale rappresentante o procuratore con indicazione dei pesi e del numero dei colli della merce in esportazione.
Nel caso in cui sulla fattura essi non siano indicati è necessario produrre anche una copia del packing list.

d) la copia della lettera di credito (o suo estratto), se menzionata nel certificato;

e) i documenti giustificativi intesi a provare l’origine delle merci, secondo la prassi conforme alle disposizioni ministeriali e a quelle impartite da Unioncamere. Nello specifico:

Per merce di origine italiana o comunitaria (interamente o per ultima trasformazione sostanziale), non è obbligatoria la presentazione di alcuna documentazione probatoria, essendo sufficiente la dichiarazione ai sensi dell’art. 47 del DPR 445/00. Il richiedente deve fare riferimento allo stabilimento di produzione (ragione sociale e indirizzo).

Per merce di origine di Paesi terzi devono essere prodotti i documenti idonei a comprovare l’origine estera delle merci:
- certificati di origine emessi da altri organismi abilitati al rilascio;
- certificazioni di qualità e sanitarie rilasciati da Enti pubblici abilitati, se in essi vi è chiaramente indicato il paese di origine;
- dichiarazioni presentate presso una dogana italiana o comunitaria (es. bollette doganali) dalle quali risulti l’origine, le polizze di carico indicati anch’esse specificatamente l’origine.

Se la merce non è importata direttamente dal richiedente è necessario produrre una dichiarazione sostitutiva di atto notorio rilasciata dal diretto importatore riportante il Paese di origine della merce e gli estremi di sdoganamento (numero e data della bolletta doganale di importazione nonché la dogana interessata).

Non sono ammesse fotocopie dei documenti giustificativi all’origine. E’ però possibile produrre, all’interno del modulo di domanda di rilascio del C.O, una dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi dell’art. 47 DPR 445/00 da cui risulti che le copie dei documenti di cui sopra sono conformi agli originali e sia indicato il luogo in cui gli originali sono custoditi.

Qualora la Camera di Commercio ritenga necessario verificare quanto dichiarato dal richiedente, potrà richiedere ogni informazione o documentazione utile a conoscere l’origine della merce.

Ultima modifica: Lunedì 5 Luglio 2021