"BILL Rete Pistoia" - Biblioteca della Legalità

Nasce a Pistoia la rete territoriale BILL Biblioteca della Legalità: pagine e parole per crescere liberi.

Mentre secondo le statistiche in Italia non si legge quanto si dovrebbe, le percentuali statistiche della criminalità sono ancora drammaticamente alte e riguardano, ormai, tutto il territorio nazionale, anche le zone considerate più lontane da questa emergenza, compresa la Toscana. Due emergenze assai critiche, dunque, quella del basso livello di lettura e dell’esplodere di una cultura e pratica criminale che agiscono in due ambiti nevralgici per la costruzione di cittadini consapevoli di un Paese avanzato: cultura e senso civico.
Per diffondere la cultura della legalità e della giustizia tra le giovani generazioni attraverso la promozione della lettura si è sviluppato da qualche anno il progetto nazionale della Biblioteca della Legalità, nato a Isola del Piano, nelle Marche, grazie all’impegno di IBBY Italia (un’organizzazione internazionale no-profit che mira a favorire l'incontro tra libri e giovani), la sezione di Pesaro dell'Associazione nazionale Magistrati, AIB Marche, Comune di Isola del Piano, la sezione Pesaro Urbino di “Libera”, il Forum del Libro, l’ISIA di Urbino e la Fattoria della Legalità.

La modalità operativa del progetto ruota attorno alla costituzione di una Biblioteca della legalità (BILL) territoriale, condivisa da più soggetti pubblici e/o privati, che collaborano alla costituzione, promozione e circolazione della collezione di libri adatta ai giovani che comprende una sezione di classici: una biblioteca circolante che le scuole o altre biblioteche del territorio di appartenenza possono prenotare e tenere per un certo periodo. Parte fondante del progetto è anche la formazione continua per gli adulti responsabili che vogliono crescere nuovi cittadini, pensanti e lungimiranti, e incontri con le scuole che aderiranno al progetto.

In questo orizzonte si colloca adesso “BiLL Rete Pistoia”, la prima Biblioteca della Legalità a costituirsi in Toscana, grazie a un patto territoriale tra enti che hanno, tra i motivi fondanti, i temi della trasparenza e della legalità, che insistono sull’importanza del valore di un senso comune di appartenenza, di un agire civico per la costituzione di una Biblioteca della legalità.

Assieme alla Biblioteca San Giorgio, capofila della Rete BILL, sottoscrivono il Patto territoriale la Fondazione Caponnetto, nata per proseguire l'opera del giudice portando avanti la lotta contro criminalità organizzata, la Camera di Commercio di Pistoia, da anni impegnata in attività di diffusione della Cultura della Legalità nel territorio provinciale, in particolar modo con iniziative rivolte agli studenti, agli imprenditori e ai cittadini e l'associazione Amici della San Giorgio, da sempre in prima fila sui temi della partecipazione, della cittadinanza attiva e della condivisione del valore della Biblioteca come spazio di socialità consapevole

La presentazione e sottoscrizione del patto si terrà mercoledì 4 marzo alle 17, presso l’Auditorium della Biblioteca San Giorgio.
Chiara Pinton di Ibby, illustrerà le linee generali del progetto nazionale, attivo in 18 realtà territoriali. Saranno presenti in rappresentanza degli istituti e associazioni che sottoscrivono il patto: Salvatore Calleri, Presidente della Fondazione Caponnetto, Daniele Bosi, Segretario generale della Camera di Commercio di Pistoia assieme al presidente Stefano Morandi, Rossella Chietti, Presidente dell’Associazione Amici della San Giorgio, Giovanni Lozzi e Maria Stella Rasetti per il Comune di Pistoia e per la Biblioteca San Giorgio.
Nell’occasione sarà presentato il libro Manuale di sopravvivenza alla mafia (Diple edizioni, 2019) di Salvatore Calleri.


referente camerale del progetto: Cristina Calamassi
ufficio.ispezioni@pt.camcom.it 0573991485

Ultima modifica: Mercoledì 3 Febbraio 2021