Centri Tecnici per il tachigrafo intelligente

Dal 15 giugno 2019 tutti i veicoli di nuova immatricolazione, per cui è previsto l’obbligo del tachigrafo, dovranno essere dotati del nuovo tachigrafo “intelligente”, ai sensi del Regolamento (UE) n. 165/2014 che ne ha disposto l'introduzione e del Regolamento di esecuzione (UE) 2016/799 e ss.mm.ii. che ne ha definito le caratteristiche tecnologiche.

Numerose e innovative funzionalità vengono introdotte con i nuovi dispositivi, prima fra tutte la funzione di controllo da remoto, che renderà possibile per le autorità di controllo l'esame dei dati anche con veicolo in movimento; le aziende potranno ottimizzare la gestione delle flotte e per i conducenti sarà più semplice monitorare i propri tempi di guida e riposo.


Richiesta di autorizzazione ad operare sui tachigrafi intelligenti per:

A) Centri Tecnici già autorizzati ad operare sui tachigrafi digitali.
Le imprese già autorizzate agli interventi sul tachigrafo digitale possono estendere la loro autorizzazione anche ai tachigrafi intelligenti implementando le attrezzature e la formazione del personale tecnico.
La richiesta di estensione dell'autorizzazione dovrà essere trasmessa utilizzando, a seconda dei casi, i modelli predisposti dal Ministero dello Sviluppo Economico e resi disponibili al seguente link, ai quali dovrà essere allegata la documentazione prevista e la ricevuta del pagamento dei diritti di segreteria pari ad euro € 260,00 mediante bonifico bancario sul codice
IBAN: IT60-Z-05034-21564-000000059100
intestato alla Camera di Commercio di Pistoia-Prato presso il BANCO BPM SPA.

B) Imprese non precedentemente autorizzate.
Le imprese che, senza avere alcuna precedente autorizzazione, intendano effettuare installazioni, calibrazioni e interventi tecnici sui tachigrafi intelligenti dovranno tenere conto di tutte le procedure già previste dal DM 10/08/2007 per i Centri Tecnici autorizzati agli interventi sul tachigrafo digitale, implementandole con le nuove normative vigenti e presentare domanda al Mi.SE per ottenere l'autorizzazione.
La richiesta di autorizzazione dovrà essere trasmessa utilizzando, a seconda dei casi, i modelli predisposti dal Ministero dello Sviluppo Economico e resi disponibili al seguente link, ai quali dovrà essere allegata la documentazione prevista e la ricevuta del pagamento dei diritti di segreteria pari ad euro € 370,00 mediante bonifico bancario sul codice IBAN: IT60-Z-05034-21564-000000059100 intestato alla Camera di Commercio di Pistoia-Prato presso il BANCO BPM SPA.



In entrambi i casi A) e B) alla domanda occorre allegare apposita autocertificazione attestante il possesso del requisito minimo di buona reputazione prescritto per le officine e i centri tecnici che operano sui tachigrafi dall’art 24, comma 2, lett. c) del Regolamento (UE) n.165/2014, utilizzando l'appositomodello (formato PDF - dimensione 99 Kb).

L'Ufficio Metrico controlla la completezza e la correttezza formale della domanda e procede alla verifica del possesso dei requisiti prescritti in capo ai richiedenti, ai sensi della normativa antimafia (art. 84 comma 2 del D.Lgs.159/2011).
Nel caso in cui la comunicazione antimafia non sia rilasciata dalla Prefettura nel termine di 30 giorni dalla richiesta, l'Ufficio informa l'impresa la quale ha la facoltà di rendere autocertificazione relativamente alla non sussistenza delle cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’articolo 67 del D.Lgs. 159/2011 utilizzando il relativo modello (formato PDF - dimensione 99 Kb).

Le altre dichiarazioni richieste potranno essere rese utilizzando questo modulo (formato PDF - dimensione 97 Kb).


Effettuato il sopralluogo e l’esame istruttorio preventivo, l’Ufficio trasmette la domanda e il rapporto di verifica al Ministero dello Sviluppo Economico per il rilascio dell’autorizzazione o per l'estensione della autorizzazione.


Rinnovo di autorizzazione ad operare sui tachigrafi intelligenti

Per chiedere il rinnovo della autorizzazione occorre trasmettere alla Camera di Commercio di Pistoia-Prato (30 giorni prima della scadenza) la domanda utilizzando, a seconda dei casi, i modelli predisposti dal Ministero dello Sviluppo Economico e resi disponibili al seguente link, ai quali dovrà essere allegata la documentazione prevista e la ricevuta del pagamento dei diritti di segreteria pari ad euro € 185,00 mediante bonifico bancario sul codice IBAN: IT60-Z-05034-21564-000000059100 intestato alla Camera di Commercio di Pistoia-Prato presso il BANCO BPM SPA.


Modulistica completa al seguente link

Dichiarazioni da allegare alle domande:
Buona reputazione (formato PDF - dimensione 99 Kb)
Antimafia (formato PDF - dimensione 99 Kb)
Altre dichiarazioni di impegno (formato PDF - dimensione 97 Kb)
Informativa privacy (formato PDF - dimensione 90 Kb)

Ultima modifica: Venerdì 5 Febbraio 2021