MISE: STARTUP e PMI INNOVATIVE_incentivo fiscale

AVVISO (10 maggio 2021)
7.567 le domande finora ammesse all’incentivo. Forte incremento nel mese di aprile. Gli investimenti destinati a Startup e Pmi Innovative hanno registrato un forte incremento nel mese di aprile 2021, passando da 27 milioni a oltre 102 milioni di euro. Al 30 aprile le operazioni di investimento complessivamente ammesse sono state 7.567, rispetto alle 1.688 di fine marzo.
Le imprese che hanno presentato le richieste sono complessivamente 1.164 e sono prevalentemente presenti nelle regioni Lombardia, Piemonte e Lazio.
Gli incentivi sono stati finora maggiormente richiesti da Startup e Pmi Innovative che operano prevalentemente nei settori dell’ICT, del manifatturiero e dei servizi di consulenza e ricerca e sviluppo.
Le imprese interessate potranno continuare a presentare domanda al Ministero per richiedere l’agevolazione attraverso la piattaforma online.

 

PRECEDENTE NEWS:
E’ stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico (DECRETO 28 dicembre 2020 - Modalita' di attuazione degli incentivi fiscali in regime de minimis all'investimento in start-up innovative e in PMI innovative) che, di concerto con il Ministero dell’Economia, definisce le modalità di attuazione del nuovo incentivo per le persone fisiche che investono in startup e PMI innovative.

ENTITA' DELL'AGEVOLAZIONE:

L’agevolazione fiscale, introdotta dal decreto Rilancio, è pari al 50% dell’investimento effettuato nelle startup innovative (investimento agevolabile fino ad un massimo di 100 mila euro, per ciascun periodo di imposta) e nelle PMI innovative (fino ad un massimo di 300 mila euro, oltre tale limite, sulla parte eccedente l'investitore può detrarre il 30% in ciascun periodo d'imposta), nei limiti delle soglie fissate dal regime “de minimis”.

L’investimento, che può essere effettuato direttamente o anche indirettamente attraverso fondi comuni (Oicr), deve essere mantenuto per almeno 3 anni.

PRESENTAZIONE DOMANDA:

La presentazione della domanda, la registrazione e la verifica dell’aiuto “de minimis” è effettuata esclusivamente tramite la piattaforma informatica predisposta dal MiSE.

Sono ammessi tutti gli investimenti già effettuati nel corso dell’anno 2020 e fino all’operatività della piattaforma: l’impresa beneficiaria può presentare domanda nel periodo compreso a partire dalle ore 14:00 del 1 marzo 2021.

ULTERIORI INFORMAZIONI sul sito del MISE e di INVITALIA PA Digitale

Ultima modifica: Martedì 21 Settembre 2021