Le tariffe per i servizi pubblici pagate dalle imprese

bollette

 

Trasparenza e tutela del mercato
Negli ultimi anni molti servizi di pubblica utilità, gestiti in condizioni di monopolio e organizzati in economia da parte degli enti locali, si sono avviati verso logiche di mercato. Un percorso in cui si è passati dalle logiche tipiche della tassa/tributo a tariffe, cioè corrispettivi di servizi resi all'utenza, con modalità gestionali definite e livelli qualitativi da garantire.

Le tariffe di questi servizi sono costi che si scaricano sia sulle imprese, in particolare di micro, piccole e medie dimensioni, sia sui consumatori.

In questo delicato percorso, si avverte l'esigenza di costruire sedi ove le istituzioni locali possano impostare con i vari portatori di interessi nomenti di dialogo, confronto, dialettica, ispirandosi a logiche di accountability.

Con l'art.5 del decreto legge n. 112/2008, convertito in legge il 6 agosto 2008, il Governo ha ribadito l'obiettivo di sorvegliare sistematicamente la dinamica dei prezzi e delle tariffe, avvalendosi degli appositi Uffici delle Camere di Commercio della stessa Unioncamere.

Le Camere di Commercio, unitamente alle loro Unioni Regionali, sono soggetti vicini al territorio cui sono demandati compiti per la realizzazione di un mercato interno sempre più equilibrato e trasparente nella veste di organi pubblici neutrali.

Repertorio TASP - (Tariffe e Atti ufficiali dei Servizi Pubblici)
Il Repertorio delle Tariffe e degli Atti ufficiali dei Servizi Pubblici è uno strumento di trasparenza e pubblicità delle tariffe praticate alle utenze finali. Il TASP è stato predisposto dalla Camera di Commercio di Pistoia con il coordinamento di Unioncamere Toscana e il supporto tecnico-scientifico di REF-Ricerche per l'Economia e la Finanza.
Consultando il Repertorio è possibile conoscere:
- l'articolazione tariffaria e i corrispettivi dei servizi pubblici
- le modalità di adozione, applicazione, accertamento e riscossione della tariffa per la gestione dei rifiuti urbani e assimilati (disciplina delle riduzioni e delle agevolazioni specifiche, classificazione dei rifiuti e criteri per l'assimilazione ai rifiuti urbani e il conferimento al pubblico servizio, aree incluse/escluse dal servizio, raccolta differenziata, divieti e sanzioni)
- le condizioni generali per la somministrazione di acqua potabile (attivazione, durata del contratto, controlli, misure per il risparmio idrico, limitazioni all'uso, sanzioni), la definizione e classificazione dei reflui, le condizioni generali per il rilascio delle autorizzazioni allo scarico in pubblica fognatura, le modalità di allacciamento, controllo e misurazione degli scarichi in pubblica fognatura.
Consulta il REPERTORIO TASP

Le informazioni sono desunte da una pluralità di fonti, quali: deliberazioni dell'organo competente (Autorità d'Ambito, Giunta Comunale, Consiglio Comunale), siti internet delle istituzioni e dei gestori del servizio.
Per eventuali informazioni contattare l'Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio.
Tel.0573 991435/60
Fax. 0573 991472

 

Ultima modifica: Giovedì 10 Dicembre 2020