Rapporto Bilanci 2002 - 2006

L’Osservatorio è realizzato dalla Camera di Commercio di Pistoia, con la collaborazione della cattedra di Analisi di bilancio del Dipartimento di Scienze Aziendali.
L’analisi sviluppata dall’Osservatorio è articolata su tre livelli. Il primo mette in luce i principali risultati reddituali e finanziari del tessuto produttivo provinciale. Nel successivo, le aziende sono state divise per classi di fatturato, con l’intento di evidenziare se e in quale misura il fattore dimensionale influisce sulle prestazioni economico-finanziarie. Infine, il sistema economico complessivo è stato disaggregato in macro-settori al cui interno sono stati individuati i settori comparti caratterizzanti l’economia pistoiese.
In generale, nel periodo osservato, le società di capitali sono cresciute di 54 unità, con un incremento, rispetto all’anno precedente, del 3,5%. I dati di bilancio segnalano, fra il 2005 e il 2006, una ripresa del fatturato, del valore aggiunto e della redditività. Calano, invece, in termini reali, gli investimenti, anche se la produttività aumenta, specie quella del lavoro. La struttura finanziaria si irrobustisce sensibilmente, ma il dato rimane ancora modesto.
Da sottolineare che quasi il 22% delle società esaminate presenta risultati sopra la media regionale per quanto riguarda capacità di crescita ed efficienza economica. In termini dimensionali le più brillanti sono le micro-aziende, che sembrano essere in grado di sostenere redditività e fatturato grazie, da un lato, alla capacità di intercettare i processi di esternalizzazione delle aziende maggiori e, dall’altro, alla flessibilità produttiva e alle strategie di nicchia perseguite; peggio, invece, si comportano le aziende di maggiori dimensioni.
Fra i macro-settori, servizi e industria rappresentano quasi il 99% del tessuto provinciale, con l’industria che fa registrare anche nel 2006 la posizione di leadership in termini di produzione del valore aggiunto provinciale. Ugualmente buoni sono i risultati sul piano del fatturato e buona anche la redditività degli investimenti, delle vendite e la produttività del lavoro dell’intero comparto industriale. Preoccupante, invece, la struttura finanziaria che presenta valori modesti e addirittura in calo rispetto al 2005. Comunque, guardando alla media regionale, sul piano sia della crescita sia della redditività, circa il 21% delle imprese industriali pistoiesi ha un andamento migliore rispetto alla media e in questo gruppo il ruolo trainante è appannaggio delle aziende di piccola e piccolissima dimensione.
Molto diversi sono i risultati fra i vari settore che compongono l’aggregato industriale. Il sistema moda e gli altri settori manifatturieri sono quelli che realizzano prestazioni peggiori rispetto alla provincia e alla regione. I settori “campioni” del comparto industriale sono stati indubbiamente quello della lavorazione minerali e quello del trattamento dei metalli. Il quadro relativo alle imprese di servizi, nel complesso, è positivo per quanto riguarda la crescita sia del fatturato, sia del valore aggiunto e segna un miglioramento nella produttività del lavoro e nel grado di capitalizzazione. Rispetto alla media regionale, circa il 22% delle imprese di servizi pistoiesi ottiene prestazioni brillanti.
In generale, sono le imprese che operano negli altri servizi e nei trasporti a realizzare performance più elevate rispetto alla mediana provinciale e a quella regionale.
Il settore immobiliare tiene bene il passo; quello dell’informatica e quello alberghiero, anche se perdono terreno in termini di sviluppo dei ricavi, ottengono buoni margini. Altrettanto non si può dire per il commercio degli autoveicoli, che fa registrare la performance peggiore, confermando una crisi che travalica i confini locali e regionali; meglio, invece, sotto entrambi i punti di vista il commercio al dettaglio e quello all’ingrosso, anche se non si può parlare di risultati brillanti analogamente a quanto accade a livello regionale.

 

 

Link: per scaricare i l rapporto completo clicca qui (formato ZIP - dimensione 688 Kb)

 

Ultima modifica: Venerdì 25 Settembre 2020